Massimo Sarmi, Poste Italiane lancia bond per 750 milioni di euro

Poste Italiane emette bond per 750 milioni e viene premiata sia dal mercato nazionale sia dagli investitori esteri tedeschi e francesi. L’Ad di Poste Italiane Massimo Sarmi: “Il grande successo internazionale del collocamento del Bond conferma la reputazione e la solidità dell’azienda, riconosciute largamente dalla comunità finanziaria italiana e internazionale. La richiesta superiore di sei volte l’offerta ci offre un ulteriore motivo di soddisfazione perché dimostra la considerazione di cui Poste Italiane gode tra la comunità finanziaria”. L’emissione garantirà adeguato supporto finanziario alle attività del Gruppo.

Foto Sarmi

I mercati internazionali hanno decretato il pieno successo per il Bond da 750 milioni di euro lanciato da Poste Italiane: l’azienda ha collocato interamente i titoli obbligazionari a fronte di una richiesta degli investitori superiore di sei volte l’offerta. Il mercato ha dunque premiato l’operazione, riconoscendo la solidità economico-finanzaria dell’azienda. Il Bond ha ricevuto massimo apprezzamento con una domanda giunta per il 35% circa da investitori italiani e per circa il 65% da investitori europei, principalmente da Germania e Francia, con quote dal Regno Unito, dalla Spagna, dal Belgio, dall’Olanda, Danimarca, Paesi Scandinavi e da tantissimi paesi europei compresa la Romania e fino anche alla Lituania.
I titoli offerti sul mercato pagano una cedola del 3,25% a fronte di una scadenza di 5 anni. L’emissione obbligazionaria è stata illustrata nei giorni scorsi dall’Ad di Poste Italiane, Massimo Sarmi, che ha incontrato gli investitori durante un road show che ha toccato le principali piazze finanziarie europee come Milano, Londra, Francoforte, Monaco e Parigi. I titoli saranno destinati alla quotazione presso il mercato regolamentato della Borsa del Lussemburgo.

“Il grande successo internazionale del collocamento del Bond conferma la reputazione e la solidità dell’azienda, riconosciute largamente dalla comunità finanziaria italiana e internazionale. La richiesta superiore di sei volte l’offerta ci offre un ulteriore motivo di soddisfazione perché dimostra la considerazione di cui Poste Italiane gode tra la comunità finanziaria – ha commentato l’operazione l’Ad di Poste Italiane, Massimo Sarmi La qualità degli investitori e l’ampia distribuzione del Bond sui mercati internazionali ci fa ritenere di aver scelto il momento giusto per lanciare il prestito obbligazionario che sarà destinato a dare ulteriore forza finanziaria ai progetti di espansione e diversificazione del business del Gruppo”.

Logo Poste Italiane

L’emissione del prestito obbligazionario quinquennale è stata decisa dall’azienda con l’obiettivo di continuare a garantire lo sviluppo del business della società e delle sue controllate.
Per il collocamento sul mercato obbligazionario Poste Italiane si è avvalsa di cinque primari lead manager come Banca Imi, Deutsche Bank, Unicredit, Hsbc e Bnp Paribas .

FONTE: Poste Italiane

Questa voce è stata pubblicata in Finanza, Massimo Sarmi e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.