Poste Italiane, 150 anni dedicati al futuro”. Simona Giorgetti: “Celebriamo un traguardo storico”

Nella cornice storica del Circo Massimo di Roma, dal 9 al 20 maggio uno scenario avveniristico e le più moderne tecnologie per raccontare il passato, il presente e la visione del futuro dell’azienda. Simona Giorgetti, Direttore Comunicazione Esterna Poste Italiane: “Celebriamo un traguardo storico. 150 anni dedicati al futuro per condividere con i cittadini e le istituzioni il percorso che Poste Italiane ha compiuto in un secolo e mezzo di storia, accompagnando la crescita dell’intera società italiana con spirito di servizio e idee innovative”.

Massimo Sarmi, Amministratore Delegato Poste Italiane e Simona Giorgetti, Direttore Comunicazione Esterna Poste Italiane.

La mostra è stata ospitata nella cornice storica del Circo Massimo di Roma dal 9 al 20 maggio, e per tutta la sua durata è stata un invito a compiere un viaggio nel tempo grazie a foto, oggetti, filmati di ieri e di oggi che hanno sfilato assieme a immagini del futuro fatte di segni, luci e suggestioni.

Da sinistra: Massimo Sarmi, Amministratore Delegato Poste Italiane; Corrado Passera, Ministro dello Sviluppo Economico, Infrastrutture e Trasporti; Giovanni Ialongo, Presidente Poste Italiane; Simona Giorgetti, Direttore Comunicazione Esterna Poste Italiane.

Per questo evento, in cui hanno dialogato il passato, il presente e la visione del futuro di Poste Italiane, l’azienda ha realizzato una tensostruttura di nuova generazione composta da due cupole collegate tra loro. Le cupole, costruite con uno speciale PVC, hanno permesso di realizzare gli effetti luminosi garantendo l’oscuramento dell’interno anche in pieno giorno. La prima (24 metri di diametro; 365 mq di superficie) ha ospitato la parte dedicata al passato e al presente di Poste Italiane. Al suo interno, attraverso le più moderne tecnologie, è stato illustrato il percorso che ha portato l’azienda a diventare quello che è oggi e l’ampia offerta di innovazioni. Un tunnel ha collegato poi alla seconda cupola (14 metri di diametro; 120 mq di superficie), dedicata al futuro nella quale sono stati descritti gli scenari futuribili della comunicazione e della vita di ogni giorno, attraverso immagini e animazioni suggestive con cui il visitatore ha potuto interagire.

Da sinistra: Massimo Sarmi, Amministratore Delegato Poste Italiane; Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica; Giovanni Ialongo, Presidente Poste Italiane; Simona Giorgetti, Direttore Comunicazione Esterna Poste Italiane.

Passato: La parte dedicata alla storia si è sviluppata lungo l’anello esterno della cupola in un percorso interattivo, in cui sei monitor touch screen si sono alternati a oggetti storici, concessi in prestito dal Museo Storico della Comunicazione del Ministero dello Sviluppo Economico, per ripercorrere e rivivere attraverso la narrazione del giornalista Corrado Augias le tappe salienti delle Poste in Italia, organizzate in cinque racconti tematici (le Poste nella storia d’Italia, la cassaforte degli italiani, evoluzione degli strumenti di comunicazione e della società, gli anni 2000). Il secondo anello, che ha delimitato il percorso espositivo, è stato caratterizzato dai “totem”, grandi strutture semitrasparenti sulle quali videoproiezioni e grafica hanno arricchito l’esperienza narrativa.

Presente: Al centro della cupola principale spiccava poi un’installazione multimediale con quattro grandi superfici interattive composte da enormi schermi touchless (HD da 80 pollici) con il quale il visitatore ha potuto interagire per scoprire la realtà contemporanea di Poste Italiane, esplorando da vicino il suo contributo all’innovazione e alla semplificazione della vita del cittadino.

Da sinistra: Massimo Sarmi, Amministratore Delegato Poste Italiane; Antonio Catricalà, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri; Giovanni Ialongo, Presidente Poste Italiane; Simona Giorgetti, Direttore Comunicazione Esterna Poste Italiane.

Futuro: Nella seconda cupola i contenuti, tutti digitali e affidati a proiezioni immersive a 360° sulla volta della cupola, hanno suggerito intuitivamente come sarà la comunicazione di domani, con animazioni attivabili direttamente dal visitatore sfiorando una delle facce del cubo del futuro al centro della cupola. Da scegliere lo scenario futuribile in cui immergersi grazie a immagini spettacolari e animazioni create in computer grafica, a evocare la vita quotidiana in un domani in cui la comunicazione diventerà sempre più istantanea e globale.

Immagini e filmati: Le immagini e i filmati presenti alla Mostra sono stati messi a disposizione dall’Archivio storico di Poste Italiane. Alcuni documenti iconografici e documentaristici sono stati gentilmente concessi dall’Istituto Luce. Poste Italiane ringrazia inoltre il Museo Storico della Comunicazione per la collaborazione e la concessione di testimonianze e tecnologie d’epoca.

FONTE: Poste Italiane

Questa voce è stata pubblicata in 150 anni dedicati al futuro, Simona Giorgetti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.