Poste Italiane, guidata da Massimo Sarmi, firma in Kuwait intesa con il Gruppo Alghanim su innovazione tecnologica e finanza etica

Poste Italiane firma in Kuwait un Memorandum d’intesa con il Gruppo Alghanim su innovazione tecnologica e finanza etica. Il Memorandum consolida il profilo internazionale dell’Azienda e amplia gli spazi di cooperazione con i Paesi del Golfo Persico. “L’intesa, ha spiegato l’Ad Massimo Sarmi, rappresenta una importante occasione di allargare l’ambito delle nostre collaborazioni e fornire l’expertise di Poste Italiane in campo logistico, postale e finanziario anche nell’area del Golfo Persico”.

Poste Italiane firma un Memorandum d’intesa con il Gruppo Alghanim (Kuwait) per un programma di collaborazioni in campo logistico, postale e finanziario e proietta la sua influenza come advisor per l’innovazione tecnologica anche all’area del Golfo Persico. L’accordo è stato firmato a Madinat al-Kuwait dall’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Massimo Sarmi, e da Mohammed Fouad Alghanim, vice presidente del Gruppo economico-finanziario dell’emirato. Alla cerimonia della firma hanno preso parte anche il CFO del Gruppo Alghanim Mr.Rachandran, Mr Al Abdulmoghni di Kuwait Finance&Investment Group e l’Ambasciatore d’Italia nel Kuwait, Fabrizio Nicoletti.

“L’intesa – ha spiegato l’Ad, Massimo Sarmi subito dopo la firma del Memorandum – rappresenta una importante occasione di allargare l’ambito delle nostre collaborazioni e fornire l’expertise di Poste Italiane in campo logistico, postale e finanziario anche nell’area del Golfo Persico, dove già abbiamo avviato progetti di collaborazione con l’Arabia Saudita. Nel campo finanziario, poi – ha proseguito Sarmi – Poste Italiane è da sempre in linea con i principi etici di sicurezza, trasparenza e semplicità che hanno ispirato i nostri storici prodotti di risparmio e continuano ad essere alla base di quelli più innovativi e diffusi. Per questo abbiamo aderito con grande interesse alla proposta del Gruppo Alghanim sulla realizzazione di uno studio in grado di valutare la creazione di una gamma di prodotti etici rivolti alla comunità degli immigrati in Italia”.

Con l’accordo si stabiliscono i presupposti di cooperazione sia nel campo della ideazione e fornitura di competenze per lo sviluppo di applicazioni digitali e di piattaforme informatiche per le società del Gruppo. Si condivide anche l’obiettivo di elaborare e lanciare sul mercato italiano prodotti di finanza etica, in grado di attrarre i cittadini stranieri residenti in Italia, un segmento di risparmiatori nuovo e in continua crescita. Il Gruppo Alghanim ha attività molto diversificate con interessi in campo energetico e nei settori telecomunicazioni, automobilistico, logistica e trasporti navali, difesa, costruzioni, beni immobili, general trading&contracting, sanità e aviazione, e offre pertanto ampie opportunità di collaborazione e creazione di sinergie con Poste Italiane.

La firma del Memorandum è stata preceduta da una lunga fase preparatoria tra Poste Italiane e il Gruppo Alghanim. Una delegazione della società kuwaitiana ha compiuto recentemente una missione in Italia ed è stata ricevuta nella sede centrale di Poste Italiane dove ha visitato il Polo tecnologico e le Control room. In questa occasione, e in vista di altri programmi di collaborazione con il Gruppo Alghanim, gli specialisti di Poste Italiane hanno presentato ai manager arabi le soluzioni e le piattaforme tecnologiche che danno supporto alle attività logistica, postale, finanziaria e di comunicazione.

Con l’intesa odierna Poste Italiane conferma il suo profilo internazionale in materia di innovazione tecnologica e sviluppo dei servizi finanziari. Già oggi Poste Italiane fornisce il proprio know how in Russia, Egitto, Albania, e Libano mentre gli indirizzi strategici di evoluzione del modello di business sono presi a riferimento dagli operatori postali di Marocco, Armenia, Cile, Croazia, Albania, India, Slovenia. Poste Italiane è inoltre impegnata nell’area Mediterranea con Euromed, l’unione di 14 operatori postali che sviluppa progetti e piattaforme comuni. Le partnership avviate dimostrano la capacità dell’azienda italiana di fare sistema e di esportare il proprio modello di business e la propria esperienza nel campo dell’innovazione tecnologica.

FONTE: Poste Italiane

Questa voce è stata pubblicata in Massimo Sarmi, Poste Italiane e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.